Impact of climate change on occupational health and productivity: a systematic literature review focusing on workplace heat

Main Article Content

Miriam Levi
Tord Kjellstrom
Alberto Baldasseroni

Keywords

climate change, occupational injury, occupational diseases, heat-related illness, vector-borne infectious diseases, productivity

Abstract

Abstract


Background With climate change, mean annual air temperatures are getting hotter and extreme weather events will become more and more common in most part of the world. Objectives As part of the EU funded project HEAT-SHIELD we conducted a systematic review to summarize the epidemiological evidence of the effects of global warming-related heat exposure on workers’ health and productivity. Methods Three separate searches, focused, respectively, on: i) heat-related illness (HRI), cardiovascular, respiratory and kidney diseases, ii) traumatic injuries and iii) vector-borne diseases or vectors distribution, were conducted in PubMed. EMBASE was also consulted to retrieve relevant studies focused on the health effects of climate change. A fourth search strategy to assess the effects on work productivity was conducted both in PubMed and in the SCOPUS database. Results In total, 165 original publications were selected. A significant proportion of studies reported findings regarding the Mesoamerican nephropathy issue. This is a disease occurring especially among young and middle-aged male sugarcane workers, without conventional risk factors for chronic kidney disease. For injuries, there is a reversed U-shaped exposure-response relationship between Tmax and overall daily injury claims. Outdoor workers are at increased risk of vector-borne infectious diseases, as a positive correlation between higher air temperatures and current or future expansion of the habitat of vectors is being observed. As for productivity, agriculture and construction are the most studied sectors; a day with temperatures exceeding 32°C can reduce daily labour supply in exposed sectors by up to 14%. Conclusions The present findings should inform development of further research and related health policies in the EU and beyond with regard to protecting working people from the effects of workplace heat during climate change.


Riassunto


Introduzione Negli ultimi decenni si è registrato un importante aumento della temperatura atmosferica media e degli eventi meteorologici estremi. Obiettivi Nell’ambito del Progetto Europeo HEAT-SHIELD abbiamo condotto una revisione sistematica allo scopo di valutare gli effetti del riscaldamento globale sulla salute e sulla produttività dei lavoratori. Metodi Abbiamo utilizzato tre diverse strategie di ricerca, interrogando PubMed, per indagare, rispettivamente: i) il rischio di sviluppare malattie da calore, malattie cardiovascolari, respiratorie e renali; ii) il rischio di infortuni causati da eventi meteorologici estremi; iii) l'estendersi della presenza di vettori di malattie infettive nuove o di nuovo presenti. Inoltre abbiamo consultato anche il database EMBASE per valutare gli effetti dei cambiamenti climatici sulla salute dei lavoratori. Una quarta strategia, condotta sia su PubMed che su SCOPUS, ci ha permesso di esplorare il tema della produttività. Risultati Sono state selezionate 165 pubblicazioni originali. Di rilevante importanza è il problema della nefropatia mesoamericana, una condizione che interessa soprattutto i lavoratori maschi impiegati nella produzione della canna da zucchero in America Centrale. In generale, sembra esistere una relazione dose-risposta a forma di U rovesciata tra Tmax e infortuni. I lavoratori all'aperto sono a maggior rischio di malattie infettive trasmesse da vettori poiché esiste una correlazione positiva tra temperature più elevate e l'espansione attuale o futura dell'habitat dei vettori. Per quanto riguarda la produttività, l'agricoltura e le costruzioni sono i settori più studiati; temperature superiori a 32°C possono ridurre la produttività fino al 14%. Conclusioni I risultati della revisione potranno essere utili ai decisori politici per pianificare adeguatamente le azioni di salvaguardia della salute e della produttività dei lavoratori, messe a repentaglio da condizioni sempre più frequenti di disagio da caldo intenso e persistente.

Abstract 24 | PDF Downloads 19 Table suppl Downloads 22